Marathon des Alpes Maritime: un week end da leoni

Un week end lungo e molto divertente, posso solo riassumere così quanto ho appena vissuto.

Se avessi avuto la macchina fotografica incorporata negli occhi avrei fatto milioni di scatti. Ho visto posti bellissimi e sorrisi radiosi. Ho visto i keniani passare al passaggio della mezza, dove avevo il punto di stambio staffetta con Jessica, a 1h05 (e finire la maratona in 2h10).

Ho conosciuto persone fantastiche e ho riso tantissimo.

IMG_4359

Intanto vi dirò un paio di “verità” che ho scorperto questo week end:

  • ho corso la Marathon des Alpes – mi sono spacciata per runner di questa gara per ben due volte (facendo la sborona) senza specificare che avrei fatto la mezza e non la maratona
  • sono molto più importante del tempo di un Garmin, quando ho ricevuto il cambio testimone da Jess ci siamo abbraciate e lei aveva dimenticato di stoppare il tempo… un dramma da veri intenditori
  • ho 50 anni, ma non li dimostro, ma non ho ancora capito se era un complimento oppure no

Cosa raccontarvi? Sarebbe veramente riduttivo dirvi che è una gara da fare assolultamente, soprattutto da me – che fin’ora ho partecipato a poche manifestazioni di carattere internazionale. Ma a Cannes (e a Nizza per il ritiro pacchi) si respirava un’aria di pura festa.

Il villaggio a Nizza era ben organizzato e con tutti gli stand all’intreno che promuovevano gare in ogni dove, c’era solo l’imbarazzo della scelta per il prossimo viaggio. Il sabato pomeriggio, complice il tempo stupendo, siamo state anche in spiaggia a pucciare i piedi.

Mentre il percorso della Maratona era veramente mozzafiato: una prima mezza pianeggiante che ti illudeva sulle falsità sentite riguardo la difficoltà del percorso e una seconda parte della gara che affiancava la costa all’interno delle sue città medievali con saliscendi da spezzare le gambe.

IMG_4395

Con tutti quelli con cui ho parlato, nessuno è riuscito a portare a termine la gara con il tempo desiderato, ma tutti avevano la gioia d’averla finita. Perchè durante il percorso abbiamo visto molti alteti doloranti, che mollavano e che camminavano.

La nostra maggiore soddisfazione è stata proprio quella di terminare la gara tanto sognata e vi viverla come l’avevamo progettata: ridendo e con la voglia di stare assieme.

IMG_4373Ho addosso ancora l’euforia e l’adrenalina di questi giorni. Ho scaricato tantissime foto, me ne hanno inviate altrettante e sono in attesa di quelle ufficiali della gara.

Che dire ora? Beh, il Progetto Matte In Fuga termina qui, a Cannes. Avete sognato con noi in questo percorso lungo quasi un anno e vi abbiamo portato con noi lungo i 42 chilometri.

Grazie a tutti, sarò rindondante, ma ci siamo veramente divertite!

deborah_matta

Stay hungry, stay foolish

“Stay hungry, stay foolish” questa frase, ma soprattutto questo discorso di Steve Jobs mi è sempre piaciuto.

Mi piace pensare che il bello debba ancora venire e che continuando a stare in movimento tutto il meglio arriverà, sempre.

A pochi giorni dalla partenza… pochi giorni fa proprio paura… abbiamo controllato la prenotazione alberghiera ed abbiamo pianificato il viaggio e “sistemato” i bambini.

Alloggeremo a Cannes, all’arrivo della maratona per due motivi semplici: fa figo dormire a Cannes (ed abbiamo trovato un’offerta davvero “che non potevamo rifiutare”) ed è comodo poter fare la doccia dopo il nostro arrivo e prima del lungo ritorno a casa. Saranno tre giorni pieni di tutto, dalle ansie alle risate, ma soprattutto dalla voglia di correre la gara tanto sognata da un anno.

Saranno 21km a testa, 21 chilometri di pensieri, passioni e panorami stupendi.

Abbiamo scoperto che correranno a questo evento tantissimi amici, ci sarete anche voi? dai palesatevi😀

deborah_matta

Inizia il contro alla rovescia, novembre si avvicina

Il calendario parla chiaro, mancano 4 (QUATTRO) settimane alla gara che attendo da un anno: la Marathon des Alpes, che correrò in staffetta 2×21 insieme all’altra matta Jessica.

E la tabella d’allenamento non mente, dovevo fare un’altra mezza prima di partire, in settembre. Dovevo consolidare le gambe alla distanza e impostare una strategia di gara. Perché il “mio tratto” sarà quello poco pianeggiante, tutti i sali/scendi che da Antibes portano a Cannes.

La scelta di questo tratto di strada è stato pensato non per il percorso, tra l’altro per tutti i 42 chilometri con un panorama stupendo, ma solo perché a me non piace svegliarmi presto la mattina ed invece Jessica preferisce togliersi subito il dolore del dente. Scherzi a parte, quando abbiamo deciso come dividerci la staffetta non avevamo guardato l’altimetria del percorso e quindi ora mi tocca “picchiare duro” sulle gambe.

In previsione di questo percorso poco pianeggiante decido in luglio di provare una gara di 13km bellissima tra i colli della Franciacorta e la seconda settimana di settembre provare la mezza a Monza, dove nel tracciato ci sono tutti i sottopassi del circuito automobilistico.

IMG_3673

Quella domenica mattina, mi preparo molto presto e (anche questa volta insieme alla mia socia) ci troviamo sul piazzale della partenza ben 2 ore prima. Questo anticipo però è volato in fretta: ho avuto modo di conoscere di persona un sacco di ragazzi della squadra (gli Happy Runner) e che avevo solo incontrato con Facebook o tramite il blog. Ho dato finalmente un volto reale a tutte quelle persone che mi commentano, mi incitano e mi seguono tramite le app.

Wow che bello, ho un’euforia addosso, non mi rendo conto da li a poco avrei dovuto correre 21km. Faccio foto, selfie, chiacchiero e incito… ma arriva l’ora di entrare in griglia e arriva l’ansia.

Jessica mi lascia per fare la sua gara lunga e veloce e io mi trovo sola, devo capire come voglio fare. Sicuramente vorrei provare a farla sotto le 2 ore. Vorrei provare a fare meglio di Milano Marittima e avvicinarmi ai tempi della Stramilano, anche se non sono in forma come allora.

Punto il peacer delle 2 ore, mi ci aggrappo quasi fisicamente e mi porta fuori dal muro di gente che ci circonda per almeno 3/4km dopo le gambe vanno, fluide e mi ritrovo con belle sensazioni. Se prima il mio obiettivo era di finirla, ora capisco che ce la posso fare, posso portare a termine la gara senza piangere sul tempo fatto.

Nel frattempo trovo di fianco a me una ragazza che ha il mio stesso passo: un po’ avanti lei, un po’ tiro io. Al 10° km stacchiamo i pacer ed iniziamo a sorriderci e parlare, scoprendo di avere le stesse tabelle di marcia in allenamento, lo stesso PB ed il rientro da un infortunio, vogliamo entrambe provare a finire entro le 2 ore e decidiamo in un sodalizio sportivo.

Il percorso è veramente ostico e piove anche tantissimo. I sottopassi sono molto ripidi e dentro il parco troviamo anche delle salite naturali che affronto con grinta per non rischiare di mollare e camminare.

Ho paura di una mia crisi al 15°, i tempi si alzano un pochino. Devo migliorare questo aspetto, anche nelle altre due gare quel muro era lì davanti e insormontabile, però riesco a riprendermi in fretta e qualche chilometro dopo sono super veloce. L’arrivo è sempre la parte più traumatica: vedi il gonfiabile in lontananza, l’orologio dice che mancano poche centinaia di metri però mi sembra di correrli in slow motion.

L’arrivo non arriva mai, è sempre troppo distante!

IMG_3691

Ritirata la medaglia, mi asciugo e attendo Jessica. Festeggiamo la nostra vittoria, rispondiamo ai messaggi degli amici e andiamo a mangiare una pizza. Un pizza con una birra fresca, buonissima che ci ristora meglio del the caldo.

IMG_3694

Una giornata di sport e di festa. Una giornata di amicizia e sorrisi, che prendo come punto di partenza per Cannes. Ora posso iniziare a contare i giorni che ci separano da questa avventura e macinare chilometri. Ho capito che non devo farmi spaventare dalle salite, gestendo la gara al meglio non sono così ostiche come pensavo.

Inizia il conto alla rovescia, contate con noi!

deborah_matta

Basta scuse!

E’ stata un’estate davvero strana dal punto di vista della corsa e dei miei allenamenti.

Complice il caldo esagerato e un po’ di problemini fisici che mi hanno accompagnato riuscire ad uscire  anche per un solo piccolo allenamento è stato davvero duro e difficile per me. Diciamo che ogni motivo e pretesto per non correre era buono. O comunque per rimandare il momento della corsa.

(Ovviamente sempre per delle ‘buone ragioni’).

Ho cercato in ogni modo di ritrovare un po’ dello spirito e dell’entusiasmo di altri momenti, in cui correre non dico che fosse la mia priorità, ma in cui sicuramente riuscivo a trovare sempre la voglia e l’energia di allacciare le mie scarpette da running ed uscire. Anzi, le scuse erano quelle che trovavo per non restare in casa ed andare a correre!

Per il resto c’era sempre tempo (la casa, la famiglia, il lavoro…😉 ).

Per un discorso di ‘sopravvivenza’ dalla vita di ogni giorno la corsa era vitale per me.

Poi, però ad un certo punto, questa spinta per me è diventata sempre meno forte e importante.

Complice un paio di corse andate un po’ così così (soprattutto a causa del caldo e dei problemini fisici di cui prima) e la delusione provata successivamente, il mio entusiasmo è andato diminuendo sempre più, fino a dovermi quasi imporre di uscire per rispettare un minimo l’impegno preso e gli obiettivi prefissati per i prossimi mesi.

Che cosa mi è successo? Ho letto che è una cosa che capita a tanti runner, ne parla anche Muramaki nel suo bellissimo libro ‘L’arte di correre’ definendola Runner’s blues. E’ quel progressivo sentimento di disaffezione verso la corsa, di scoramento e di perdita di interesse che di solito chi corre prova soprattutto dopo aver compiuto una grande impresa ed aver affrontato un grande risultato (non è questo il mio caso ovviamente!).

Capita anche dopo un infortunio, o dopo una serie di eventi che ci hanno fatto un po’ scontrare contro la fatica e la difficoltà di riuscire ad ottenere i risultati che speravamo.

Io sto cercando di combattere questa sensazione da tutta l’estate, ma è davvero difficile in certi giorni.

Per me la corsa deve anche (se non soprattutto!) essere divertimento e leggerezza e non riuscire a viverla così mi fa sta male davvero.

robi25

Fare foto sceme mentre corro? Mi aiuta a ritrovare il sorriso nella fatica!

Sto cercando di trovare tutti i modi e trucchi possibili per spingermi e motivarmi, ma certi giorni c’è questa vocina nella testa che ha la meglio e mi convince a starmene a casa sul divano piuttosto che uscire a correre per sentirmi lo stesso poco soddisfatta. Quanto la odio questa vocina!

Alla fine della giornata aver lasciato che prendesse il sopravvento mi fa sentire ancora più arrabbiata con me stessa e, di sicuro, mi dà ancora meno motivazione per correre la volta successiva. E’ come un circolo vizioso da cui diventa difficile uscire: meno corri e meno forza e voglia hai di correre.

In queste ultime settimane sono riuscita a riprendere con maggiore costanza, ma sono sempre alla ricerca dell’entusiasmo e della voglia di correre di prima.

Ci sto provando davvero e, anche se certi giorni non è per nulla facile, mi rendo conto che ogni volta che ci riesco va sempre meglio e la voglia di darsi da fare aumenta sempre di più. Spero davvero di essere sulla strada giusta per ritornare a correre con la gioia e la leggerezza nel cuore!

rob26

Fate il tifo per me. Ne ho bisogno🙂

E a voi? E’ mai capitato di passare un periodo così? Come avete fatto a superarlo?

Ogni suggerimento o consiglio è benvenuto!

 

robi_matta

 

StraWoman Monza 2015

ARCO

Oggi la città di Monza si è colorata di un fiume rosa formato da migliaia di donne sorridenti che hanno attraversato le vie del centro.

La StraWoman è un evento dedicato alle donne, a tutte le donne! Non solo alle runner!!

Ci sono bambine, ragazze, mamme, mamme con le carrozzine, tantissime nonne, c’è chi porta il cane con tanto di pettorale e qua e là spunta anche qualche maschietto.

Ho visto un omone con la barba super palestrato e tutto tatuato correre con la magliettina rosa della StraWoman. Chissà perché, forse per la sua ragazza… forse per la moglie, o forse per divertirsi con le amiche.

Prima della partenza grande raduno in una Piazza Trento e Trieste gremita di magliettine rosa saltellanti a ritmo di Zumba. Sul palco ci sono delle magnifiche istruttrici di fitness che insieme a Fabio Marelli di Discoradio caricano di euforia la folla. 

Riscaldamento

Partecipo per il terzo anno consecutivo alla StraWoman, con due delle donne più importanti della mia vita… mano per mano, per non perderci, raggiungiamo il centro della piazza e proviamo ad unirci al gruppo danzante. Ridiamo tantissimo scontrandoci come pinguini alla ricerca del ritmo. Per qualche ora il nostro unico impegno vogliamo sia quello di sorridere e dedicarci del tempo insieme.

Dopo aver saltellato per una buona mezz’ora senza aver trovato né ritmo né coordinazione ci ritroviamo alla partenza. Non è una gara competitiva e noi alterniamo la camminata alla corsa a seconda dell’argomento intavolato con le nostre compagne di percorso.

C’è chi ha trascinato amiche meno sportive che vorrebbero fermarsi alle pasticcerie lungo la strada per un cappuccio e una brioche… mentre c’è chi vorrebbe festeggiare già il primo chilometro con uno spritz!

20150920_104251

Sorridono tutte… e ognuna ha la propria storia. Chissà di quali incastri tante sono state capaci per riuscire a strappare 2 ore alla famiglia o al lavoro. Chissà quante hanno superato o hanno marciato fingendo di dimenticare preoccupazioni e scadenze.

Non ho cronometrato questa “corsa”…. la felicità non si misura.

jessica

Runner dietro le quinte

The Color Run – Autodromo di Monza, 12 Settembre 2015

Prendi tante persone che non si conoscono fra loro, ma che hanno voglia di far parte di un progetto importante (quello di Rare Partners), donando una briciola del loro tempo, e di portarlo avanti con il sorriso.

Mettile insieme in un luogo suggestivo, in una giornata di festa.

12003340_883126898408457_3609724981983947382_n

Digli che l’unico obiettivo che hanno è quello di far divertire la gente, ricoprendola di polvere rosa e fornisci loro armi di divertimento di massa e munizioni relative.

12007149_10206179691705185_346941992_n

Accendi la musica a palla e metti qualcuno al microfono libero di dire tutto quello che gli passa per la testa.

Aggiungi un paio di Matte in fuga.

11986400_883126758408471_1850084106450465373_n

A questo punto nasconditi e aspetta.

Al via vedrai persone, normalmente posate e tranquille, trasformarsi in animatori scatenati e fuori di testa, veri e propri killer del colore.

11997512_10206179691745186_200124344_n

12002189_1118710988158928_5571910114765152635_n
12000118_10206179689145121_1049358713_n

Questa è la The Color Run vista dalla parte del volontario: una figata pazzesca! Faticosissima, ma pur sempre un’esperienza meravigliosa.

Grazie a Rare Partners, ai Podisti da Marte, allo staff scatenato del punto rosa, ai runner sconosciuti che si sono fermati ad abbracciarci, a quel tizio che ci ha spruzzato vino rosso, ai 20.000 partecipanti che ho avuto il piacere di colorare di rosa, a quella pazza che ha rotto il labbro a Roberta con una testata (per errore).

barbara_matta

Ciao, che fate?

Passate bene le vacanze? Tornati carichi per un autunno pieno di impegni podistici e non?

Ebbene, dopo le vacanze di Barbara raccontate su Endu eccovi le mie: tre settimane al mare e da sola con Attila e Barbarossa.

In luglio i santi nonni hanno portato con loro al mare i nanetti, permettendoci di non iscriverli a nessun centro estivo e beneficiando dell’aria marina. Quindi, per quel mese (nonostante il caldo africano che attanagliava Milano) ci ho picchiato duro con la corsa, in previsione anche di un agosto magro di attività fisica vera e propria.

Prima di partire per raggiungere la prole però ho pianificato un piano d’azione che non prevedeva che io poltrissi tra lettino da spiaggia e mare. Mi sono organizzata ed ho portato un materassino da ginnastica (comunque abbigliamento e scarpe da corsa – non si sa mai) ed ho scaricato alcune app per ipad che mi permettevano di fare ginnastica in casa tutti i giorni ad alto impatto. Almeno mantenevo il tono muscolare e un pochino di cardio.

Ho anche scoperto una bellissima iniziativa di #instagrammiamocaorle tutta gratuita che mi permetteva di fare una gita in bicicletta con i bambini per le zone meno conosciute di Caorle. 12 km di divertimento insieme ad altre famiglie e un viaggio che mi ha portato a scoprire degli angoli poco conosciuti della laguna, seguito da un gustoso aperitivo. E per una mamma #almaredasolaconduefiglipiccoli era una manna dal cielo!

IMG_3217

Quindi non avendo la corsa come valvola di sfogo mi sono dopata di addominali, crunch, push up, squat. Un’ora al giorno in cui allenavo i muscoli e la mente. Cavoli, mi trovo un corpo un po’ più tonico e un pochino asciugato. Poi con l’abbronzatura sto benissimo. Mi sono fatta anche le unghie fucsia per darmi ancora più grinta.

34

Al mio rientro a casa di sabato già pregustavo l’uscita della domenica mattina… ma niente, quel giorno mi sono girata dall’altra parte a dormire. Il lunedì pure e martedì mi hanno sbattuta fuori di casa a correre. Mica si può dormire all’umido qui, avevo in ballo l’iscrizione alla Mezza di Monza del 13 settembre e il mister reclamava i chilometri nelle mie gambe. L’ultima settimana di agosto ricomincio a correre e sorprendentemente corro più veloce di luglio. Viaggio bene il martedì ed esco a correre anche il venerdì. La domenica provo i 10km e li faccio tutti d’un fiato. Allora forse staccare la spina dalla corsa e dedicarmi al potenziamento non è stato totalmente sbagliato.

33

La prima settimana di settembre devo macinare strada e in tre giorni faccio 20km per poi il lungo della domenica. Vado, corro… è dall’infortunio di marzo che non vedo questi numeri sull’orologio e la mia autostima cresce.

Ora ci siamo, domenica è la giornata della gara. Credo di affrontarla meglio a livello fisico della mezza di Milano Marittima e più consapevole di quanto sia ostico il percorso rispetto alla Stramilano.

Comunque vada, sarà sicuramente un successo: Mezza di Monza, yes I can.

Marathon des Alpes, presto ci incontreremo!

deborah_matta