Runner dietro le quinte

The Color Run – Autodromo di Monza, 12 Settembre 2015

Prendi tante persone che non si conoscono fra loro, ma che hanno voglia di far parte di un progetto importante (quello di Rare Partners), donando una briciola del loro tempo, e di portarlo avanti con il sorriso.

Mettile insieme in un luogo suggestivo, in una giornata di festa.

12003340_883126898408457_3609724981983947382_n

Digli che l’unico obiettivo che hanno è quello di far divertire la gente, ricoprendola di polvere rosa e fornisci loro armi di divertimento di massa e munizioni relative.

12007149_10206179691705185_346941992_n

Accendi la musica a palla e metti qualcuno al microfono libero di dire tutto quello che gli passa per la testa.

Aggiungi un paio di Matte in fuga.

11986400_883126758408471_1850084106450465373_n

A questo punto nasconditi e aspetta.

Al via vedrai persone, normalmente posate e tranquille, trasformarsi in animatori scatenati e fuori di testa, veri e propri killer del colore.

11997512_10206179691745186_200124344_n

12002189_1118710988158928_5571910114765152635_n
12000118_10206179689145121_1049358713_n

Questa è la The Color Run vista dalla parte del volontario: una figata pazzesca! Faticosissima, ma pur sempre un’esperienza meravigliosa.

Grazie a Rare Partners, ai Podisti da Marte, allo staff scatenato del punto rosa, ai runner sconosciuti che si sono fermati ad abbracciarci, a quel tizio che ci ha spruzzato vino rosso, ai 20.000 partecipanti che ho avuto il piacere di colorare di rosa, a quella pazza che ha rotto il labbro a Roberta con una testata (per errore).

barbara_matta

Annunci

BRITA Experience

E poi succede…dopo mesi di lavoro ricevi una telefonata e ti invitano ad un evento: il primo evento ufficiale delle Matte in fuga.

Che fai? Rifiuti? Ma no, ovvio che accetti.

E non importa se fra noi c’è chi ha fatto 300 km per raggiungere Milano spostando la famiglia,  chi ha annullato una riunione importante, chi ha dovuto prendere un permesso, chi ha dovuto incastrare le cose come in una complicata partita a Tetris.

L’8 Luglio all’appartamento Lago in Brera al Brita Experience organizzato da Brita c’eravamo tutte e quattro, unite dalla voglia di vivere una nuova avventura.

La cosa certa è che abbiamo fatto bene ad esserci.

Brita, marchio che lavora per migliorare e permetterci di bere e gustare l’acqua che scorre dai nostri rubinetti, ci ha regalato una vera e propria esperienza multisensoriale con il sapore di un pomeriggio fra amiche più che quello di un evento formale.

Utilizzo abitualmente i prodotti Brita, ma non avevo idea dell’attenzione al relax e al benessere che questa azienda mette in campo. Una sorpresa positiva.

Abbiamo avuto modo di affrontare un vero e proprio viaggio fra la cura e la scoperta di sé, semplicemente muovendoci fra quattro stanze allestite per l’occasione. Un percorso in cui tutto ruotava, ovviamente, intorno all’elemento acqua.

Yoga Room

Noi, che normalmente corriamo, ci siamo cimentate in una lezione di yoga. Ci siamo messe alla prova con una disciplina decisamente diversa e…ci è piaciuta. C’è chi fra noi ha già prenotato delle lezioni. C’è chi lo farà a breve.

Su quei tappetini abbiamo lasciato un po’ di stress e di tensione e abbiamo scoperto una nuova passione.

Nello yoga, panta rei: tutto scorre. Proprio come l’acqua.

brita13

Blind Test Room

Dopo lo yoga siamo passate nella Blind Test Room dove ci hanno bendate. per giocare con i sapori…dell’acqua. Sì, dell’acqua avete capito bene. L’acqua non è sempre uguale e non ha lo stesso sapore. Tutte e quattro siamo riuscite a riconoscere l’acqua filtrata con la caraffa Navella, la cui funzione è quella di migliorare il gusto dell’acqua di rubinetto riducendo sostanze come cloro, calcare e alcuni metalli.

Ho anche scoperto che le caraffe che svolgono questa funzione non sono tutte bianche e noiose, ma sono prodotte in un arcobaleno di colori e in graziose fantasie e sono state anche insignite del Red Dot Design Award (uno dei maggiori e più importanti premi del design mondiale) e che Brita non produce solo caraffe, ma anche una borraccia che filtra acqua utilissima per chi fa sport. Neanche a dirlo fantastica per noi che corriamo!

brita10

brita8

brita7

brita5

brita9

brita1

Tea Room

Nella tea room abbiamo avuto la possibilità di degustare il tè come da tradizione millenaria con un rituale, quello del Gongfu cha, in cui si susseguono brevissime e numerose infusioni, ognuna con la sua particolare sfumatura di colore, Inutile dire che l’acqua filtrata esalta profumi e sapori del tè.

brita2

brita4

Cromo Test Room

Che i colori possano influenzare il nostro equilibrio e sono indispensabili per ritrovare armonia nel corpo e nello spirito già lo sapevamo, ma che potessero dire così tatto di una persona forse non ce lo aspettavamo.

Nella Cromo Test Room ci siamo messe in gioco con un un test e abbiamo messo a nudo una parte di noi in un clima di confidenza e di amicizia.

brita3

 Eccoci immortalate attente, curiose e anche un po’ stupite

brita12

Abbiamo lasciato l’appartamento Lago con tantissimi spunti di riflessione e anche qualche consiglio.

Un pomeriggio perfetto per noi Matte attente al relax e al benessere…grazie Brita!

barbara_matta

 

 

STOP

barb1

 

Questa foto mi piace tantissimo. L’ha scattata mio figlio al parco e ogni volta che la guardo mi fa riflettere su quella parolina scritta per terra: STOP.

A volte dovremmo imparare a fermarci, in strada quando incontriamo il segnale di stop certo, ma anche nella vita.

Nel bel mezzo dei troppi impegni giornalieri dovremmo imparare ad ascoltare la nostra mente e il nostro corpo. Non farlo potrebbe portare a conseguenze anche molto gravi, psicologiche e fisiche.

So che scrivo cose scontate e banali, ma non sono assolutamente da sottovalutare. Non sono un esperto, ma parlo per esperienza personale e familiare.

Per me e per la mia famiglia è stato un anno molto intenso e molto difficile, una rivoluzione vera e propria, e ora inizio a sentire tutto il peso dello stress accumulato e non è una bella sensazione. Voglio combattere e stare bene.

La mia prima alleata resta la corsa. E’ stata lei a tenere insieme i miei pezzi in questi lunghi mesi di trasferta e di solitudine. La mia corsa, quella introspettiva ed educativa che mi aiuta a guardarmi dentro e migliorarmi e quella social e benefica che mi aiuta a conoscere belle persone e far del bene.

Un altro valido aiuto lo sto cercando in una sana alimentazione (meglio tardi che mai). Di recente ho addirittura comprato un estrattore, io che a malapena so far andare la lavatrice. Ora sto imparando ad usarlo e faccio esperimenti (e danni).

(Vi presento con orgoglio il mio primo estratto di kiwi)

barb3

I miei compiti per le vacanze saranno dunque rallentare i ritmi del quotidiano (per quanto possibile), aumentare i ritmi della mia corsa (per quanto possibile), cercare ancora nuovi alleati (più siamo meglio è) e studiare i segreti di una sana alimentazione (e imparare ad usare l’estrattore).

barb2

“Quando cammini, cammina. Quando mangi, mangia” (Proverbio zen).

I vostri compiti per le vacanze quali saranno?

barbara_matta

 

Take it easy!

Troppo spesso mi capita di sentir parlare o di leggere sui social commenti di runner che mi lasciano con l’amaro in bocca tanto che se non avessi un buon senso critico ed una discreta autostima butterei immediatamente le mie amatissime scarpe da corsa dalla finestra.

Avverto, da parte di alcuni, un senso di superiorità che si nasconde dietro a finti sorrisi e pettegolezzi mal riposti, oltre che ad un utilizzo superficiale della rete.

17130_751179664996928_7218529281866580390_n

Voglio credere nella buona fede e sperare che certe frasi siano dette o scritte senza pensare veramente alle conseguenze che possono avere sulle persone, ognuna delle quali ha una diversa storia sulle spalle.

A volte mi guardo allo specchio e penso “Ma come faccio io a parlare di corsa?”.

Altre volte provo a fare di più. Mi obbligo a sedute forzate in cui cerco di fare più km e a velocità più elevata, senza ascoltarmi. Ma in quei momenti non sono io. Sono una che cerca di definirsi e di farsi definire con un numero. E non è quello che voglio, nella corsa come nella vita. I numeri ci sono e sono importanti, ma non ha senso confrontarli con i numeri altrui.

Effettivamente di km non ne faccio tanti, sono decisamente lenta e molto incostante, ma quando corro sono felice. E la felicità è contagiosa.

Nel tempo moltissime persone, conosciute e sconosciute, si sono avvicinate alla corsa coinvolte dal mio entusiasmo e dal “se ce la fa lei ce la posso fare  anche io” e questo per me conta moltissimo. Non mi sento sminuita, anzi. Questo è il senso del mio parlare di corsa.

Alcune amiche vanno al doppio della mia velocità, alcune vanno come me, altre camminano. Ma mai mi verrebbe in mente di valutarle in base a dei numeri.

Amo le storie dei runners, quelle che trasudano passione e voglia di condivisione vera.

Odio frasi del tipo “Oggi ho corso come una merda: in un’ora solo 15 km”.

Io per fare 15 km potrei metterci anche tre ore, ma non sono una merda. Sono una donna che fa quel che può con i mezzi che ha e che crede nell’amicizia e nel rispetto dei sacrifici altrui. Il metro di misura per il runner (ovviamente qui non si parla di atleti professionisti, solitamente comunque molto umili), se mai ne servisse uno, non è un numero. La corsa è troppe cose.

Take it easy!

barb1

 

 

 

 

 

 

 

barb2

 

 

 

 

 

 

 

barbara_matta

Non solo corsa

E’ domenica mattina, ma la sveglia suona presto lo stesso. Mi alzo cercando di non disturbare nessuno, tiro su la tapparella in soggiorno e guardo fuori: il tempo è dalla nostra parte. Mi faccio un caffè e lo sorseggio lentamente, poi mi preparo ed esco. Passo a prendere la mia amica Laura e sua figlia Francesca, una compagnia insolita ma molto ben assortita e piacevole, e partiamo. Ci lasciamo il lago alle spalle: direzione Brescia, chiacchierando, ridendo e scherzando. Sono assolutamente rilassata.

Arriviamo in Piazza Vittoria. Non c’è tanta gente, ma a Brescia è la prima volta che si corre la Strawoman, e mi sembra una cosa normale. Incrociamo donne di tutte le età, l’atmosfera è leggera, non c’è competizione. C’è voglia di trascorrere una mattinata in compagnia, colorando di rosa le vie del centro, camminando o correndo, ognuna con il suo ritmo. Non si vedono visi agguerriti in caccia di tempi e vittorie. Si vedono sorrisi e palloncini.

b5

L’assenza di esasperazione da gara non esclude la presenza fra la folla rosa di runner preparate, la prima ad arrivare ha corso i 5 km in 21 minuti tondi in compagnia della sua splendida cagnolina, vera protagonista della premiazione.

b4

Strawoman è la marcia delle donne ed è una manifestazione che si svolge a tappe dedicata a tutte coloro che vogliono avvicinarsi alla corsa o semplicemente dedicarsi una giornata all’insegna del benessere psico-fisico.  Questo tour vuole sottolineare l’importanza del ruolo femminile in tutti i suoi molteplici aspetti e soprattutto promuovere la lotta contro la violenza sulle donne.

Non solo corsa quindi, ma anche aggregazione, cultura, musica, spettacolo e sensibilizzazione.

b3

b2

Per tutti questi motivi ho appena partecipato alla mia quarta edizione e continuerò a partecipare, quando possibile.

(Per tutti questi motivi…più uno: il “terzo tempo”!)

b1

barbara_matta